fbpx

L’alcool non fa ingrassare, ma ti farà ingrassare

Vino fa buon sangue. Un proverbio dalle antichissime origini che molte persone amano leggere in chiave salutistica.

Ma davvero gli antichi volevano celebrare le proprietà del vino con Vinum bonum laetificat cor hominis (Il vino allieta il cuore degli uomini)?

Secondo me, No! Secondo te?

Al di là del fatto che numerosi studi hanno dato una notevole ridimensionata ai presunti benefici del vino, in questo articolo rivolgerò la mia attenzione all’alcool, in quanto principale componente delle bevande alcoliche, ovviamente oltre all’acqua.

State tranquilli produttori di vino!

Ecco la premessa: l’alcol etilico, considerato una droga dall’Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità), è una sostanza estranea all’organismo, non essenziale e tossica per le cellule.

Per tanto, anche solo per intuito, basterebbe quanto scritto sopra per ridimensionare la leggerezza con la quale ci si avvicina, in qualsiasi misura, alle bevande alcoliche.

Chiarisco immediatamente: non ho alcuna intenzione di entrare nella diatriba di alcool-Si, alcool-No, alcool-Poco.

Su questo Blog scrivo di dimagrimento e di questo mi occuperò in questo articolo.

Quindi iniziamo con una pessima notizia: le bevande alcoliche, anche a dosi contenute, sono efficienti nel sabotare il tuo dimagrimento.

Per spiegare come è possibile parto dal titolo bislacco di questo articolo.

L’alcool non fa ingrassare, ma ti farà ingrassare.

Che significa?

Che l’alcool (in quanto sostanza tossica) non può essere immagazzinato, come avviene per gli zuccheri o i lipidi, ma crea le condizioni per farti ingrassare o comunque impicciare il tuo percorso di dimagrimento.

Come farebbe?

Apporta calorie! Che per ovvi motivi si sommano a quelle che introduci con gli alimenti creando un eccesso.

Guarda, possiamo star qui a discutere una vita sul fatto che le calorie non sono tutte uguali, ma quisquilie a parte, se ne introduci più di quante ne consumi sarà impossibile dimagrire.

Non c’è storia che regga: per mia esperienza il motivo n.1 per il quale le persone a dieta non dimagriscono è che si infilano in bocca più calorie di quante prevede la loro dieta.

Che poi questo eccesso arrivi da un bicchiere di rosso o qualche goloso snack, poco importa. Sempre eccesso di calorie è!

E di chi è spesso la colpa? Delle bevande alcoliche.

Si, perché l’alcool apporta 7 kcal al grammo, contro le 4 kcal degli zuccheri e proteine e le 9 kcal dei lipidi.

Tralascio spiegazioni scientifiche sul metabolismo dell’alcool che rischierebbero di causarti lesioni da caduta causa colpo di sonno durante la lettura e permettimi di darti un idea realistica.

  • 1 birra piccola (4,6°) = 2e½ cucchiaini di zucchero (saccarosio)
  • 1 bicchiere di vino (12°) = 5 cucchiaini di zucchero (saccarosio)
  • 1 bicchiere di Whisky (40°) = 4e½ cucchiaini di zucchero (saccarosio)

Facendo due conti, gustare una birretta, un bicchiere di vino ed un superalcolico equivale ad assumere, in termini energetici, 12 cucchiaini di zucchero (saccarosio).

E considera anche che ho calcolato i gr effettivi di alcool etilico presente nelle bevande e ho completamente ignorato eventuali sostanze caloriche aggiunte.

La dieta non funziona???

Ora arriva il peggio: il fatto di aggiungere tante calorie alla tua dieta non è il solo motivo per il quale l’alcool è lesto a vanificare i tuoi sacrifici dietetici.

Infatti è un potente agente disidratante.

E questo, soprattutto se sei una signora, dovrebbe farti drizzare le orecchie come la tromba di una nave da crociera.

Potrebbe sembrare di poco interesse questa malsana proprietà, addirittura per chi non conosce i meccanismi che regolano il nostro organismo, quasi vantaggiosa. Al contrario è malevola.

Disidratarsi vuol dire innescare dei meccanismi di risposta che sollecitano l’accumulo di liquidi e di conseguenza la ritenzione idrica cronica.

Non basta forse questo per darci un taglio?

No? Allora proseguo: l’alcool disturba la qualità del sonno, alterando i ritmi ormonali che lo regolano, compromettendo la qualità del ristoro.

Lo so che stai pensando che quando ti sgargarozzi tutto un Magnum di prosecco dormi come un sasso tanto che potrebbero tatuarti sulla schiena l’Uomo Vitruviano.

Io però ho scritto che compromette la qualità del ristoro e non è scontato che dormire profondamente equivalga ad un buon sonno ristoratore.

A volte in fatti non godere del pieno recupero che il sonno può regalare, può bloccare inspiegabilmente il dimagrimento.

Questo perché potrebbe aumentare lo stato di stress generale che è una condizione davvero indispensabile per dimagrire.

A molte persone accade questo.

Soprattutto a quelle che si allenano duramente che più di altre hanno giovamento nell’ottimizzare i processi di recupero o a quelle che già subiscono lo stress più di altre.

uesto, ahimè, è un punto nodoso che merita un articolo dedicato o meglio ancora una puntata dedicata su Il Bruciagrasso ©, il mio nuovo programma radio on-demand, dedicato al dimagrimento e alla forma fisica.

Insomma quello dell’alcool è davvero un argomento spinoso e con l’articolo di oggi temo di aver aperto l’Otre dei Venti sul mio Blog.

Si potrebbe parlare di come l’alcool ostacola il consumo sia del glucosio che dei grassi o di come addormenta l’attività della tiroide, la centralina che regola il dispendio energetico del nostro organismo.

Insomma, potrei scrivere un libro.

L’obiettivo di questo articolo però non è quello di entrare nel dettaglio e neppure quello di spingerti in modo estremista ad abbandonare il bicchiere in qualsiasi caso.

E’ quello di aprirti gli occhi su un subdolo amico che cospira contro di te senza che tu ne abbia piena consapevolezza, per fare in modo che tu lo tenga sotto controllo con rinnovata attenzione.

Ti prometto che approfondirò l’argomento per cui seguimi iscrivendoti al Blog, se non lo hai già fatto come tante persone fino ad oggi con un clic qui >> Si, desidero iscrivermi al Blog << 

Hold Hard!

Ps: fai domande, discuti su tutto e condividi, qui sotto, il tuo pensiero. Sono certo che il tuo contributo si rivelerà prezioso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *